Sculture in legno

Sculture in legno

Sculture in legno, la tradizione artigianale gardenese

La tradizione artigianale gardenese risale al 17° secolo, quando le famiglie contadine iniziarono a produrre oggetti in legno: nei lunghi mesi invernali, esse si intrattenevano con il legno, materiale reperibile ovunque e facilmente, e ben presto riuscirono a realizzare i primi giocattoli.

L´arte scultorea andò poi via via perfezionandosi fino a quando le bambole intagliate, gli animali e le statuette non raggiunsero una qualità e una raffinatezza tali da poter essere messi in vendita nei mercati primaverili.

Così l’intaglio del legno divenne ben presto un passatempo redditizio

Così l’intaglio del legno divenne ben presto un passatempo redditizio per le povere famiglie contadine e, in poco tempo, sempre più persone iniziarono ad occuparsi di questa attività creativa. Nel corso dei decenni, l’intaglio del legno divenne un settore via via più raffinato, fu costruita una scuola di scultura e ben presto l’artigianato della Val Gardena fu conosciuto in tutto il mondo per la sua tradizione unica.

Gli scultori gardenesi si distinsero soprattutto nel settore dell’arte sacra: i loro altari e i loro crocifissi come le madonne e i santi sono conosciuti in tutto il mondo. Ancora oggi, in Val Gardena, la tradizione dell'intaglio del legno è un’attività florida e una tradizione viva, portata avanti da molti scultori d'arte.